Associazione Araldi Madonna Addolorata


Vai ai contenuti

30 ottobre 1922

Incoronazione 1923 > Tappe incoronazione

30 ottobre 1922

Vengono spediti gli inviti ai nuovi designati per il Comitato Direttivo e fu rinnovato l’invito al sig. Pieri per lettera. Ai designati per il Comitato Esecutivo viene diramato il seguente invito:
 
Ill.mo Signore,
la S.V. essendo stata designata a membro del Comitato Esecutivo, che si viene costituendo sotto la direzione dell’Autorità ecclesiastica, per le feste dell’Incoronazione della Madonna Addolorata, è pregata a farci conoscere, quanto prima, se può favorirci della sua collaborazione.
 
Tuscania 30 ottobre 1922
 
                                                                                                  Il segretario
                                                         don Domenico Brizi
 
Parecchi dei designati aderirono a voce, però si andava vociferando di qualche intoppo.
Fui prevenuto dal cav. Eusepi che non era ben vista la duplicità del Comitato, duplicità che creava un po’ di dislivello fra i membri delle due parti e fui pregato di vedere di conciliare le cose, perché quelle persone erano animate da molta buona volontà; poi esse avrebbero scritto e la lettera, che pervenne, era così concepita:

                                   Tuscania 4 novembre 1922
Ill.mo Sig. Presidente del Comitato d’onore per l’incoronazione di Maria Addolorata.
I sottoscritti, essendo stati nominati da codesto Comitato d’onore a far parte del Comitato Esecutivo per i festeggiamenti a Maria SS. Addolorata nella sua incoronazione, ogni singolo membro, avendo trovato poco chiara la dipendenza di questo Comitato con l’Autorità ecclesiastica, ha creduto opportuno di adunarsi per prendere accordi in proposito e nell’adunanza, tenuta ieri sera, all’unanimità ha deliberato di aderirie alle richieste di collaborazione nei festeggiamenti a Maria SS. Addolorata, salvo escludere quella forma di dipendenza del Comitato Esecutivo coll’autorità ecclesiastica. Questo Comitato lavorerà insieme e in piena armonia con cotesto, senza nulla trascurare su ciò che riguarda i festeggiamenti di chiesa per quanto riguarda le spese inerenti all’incoronazione; ma si desidera essere liberi di disporre in parte anche dei festeggiamenti popolari ed esterni.
Pregando di essere informati circa le decisioni che prenderanno a nostro riguardo, speriamo che vorranno indire quanto prima un’adunanza generale per meglio chiarire e definire ogni probabile malinteso e prendere accordi per incominciare i lavori di sottoscrizione mensile.
Ringraziando e con ossequi distinti ci professiamo dev.mi
Brannetti Luigi, Vitali Giulio, Massera Valentino, Pietrini Francesco, Perugini Silvio, Salta Silvio, Fransesini Ersilio, Sposetti Tessidio, Franceschini Giovanni, Falleroni Marcelliano, Amici Andrea, Eusepi cav.Umberto, Nardi Raffaele, Vitangeli Amedeo.
Comunicata la lettera al Presidente, venne stabilito che piuttosto che un’adunanza generale era meglio un’intesa e perciò io li radunassi e dessi loro gli schiarimenti richiesti e appianassi i malintesi sorti.




Torna ai contenuti | Torna al menu