Associazione Araldi Madonna Addolorata


Vai ai contenuti

28 ottobre 1922

Incoronazione 1923 > Tappe incoronazione

28 ottobre 1922
Così fu possibile pensare ad una prima riunione d’intesa, che fu comunicata ai membri con il seguente avviso:

Ill.mo Signore,
Domani, sabato 28 ottobre, si radunerà per la prima volta il Comitato direttivo per l’incoronazione di Maria Santissima Addolorata.
La S.V. è pregata di prendere parte all’adunanza che si terrà nella sala del Primicerio mons. Giovanni Copponi, alle ore 19,30.
                                                                                           Il segretario
                                                                                       don Domenico Brizi
 
(A quelli che non avevano risposto si aggiunse)
 
Nella speranza che la S.V. abbia accettata la designazione a membro di detto Comitato, mi permetto invitarla a prendere parte ecc. ecc.
 
L’adunanza si effettuò con l’intervento di tutti gli invitati ad eccezione di Marini, Perugini e Pieri.
Fu discusso prima il Comitato e, su proposta del sig. Conte, venne stabilito di togliere il Vicepresidente del Comitato direttivo e, perché si avesse unità di regime (!), di sopprimere le cariche del Comitato Esecutivo lasciando solo un direttore (Brannetti) e un segretario (Vitali). Fu poi proposto di aggiungere altre persone: il sig. maestro Ildovaldo Ridolfi, Telemaco Arieti, Vincenzo Pierdomenico per il Comitato Direttivo.
Tessidio Sposetti, Giovanni Franceschini, Valentino Massera, Emilio Conticiani, Natale Santi, Nazzareno Marcoaldi per il Comitato Esecutivo, così chiamato cambiandogli il nome d’azione, che sapeva troppo di fascismo.
 
Venne poi stabilito che:
a) le adunanze si facessero di domenica alle 6 pomeridiane;
b) per il luogo ci si penserebbe (in votis il teatro Pocci);
c) fu rimandata ad altro tempo (e se ci fosse stato bisogno) la costituzione di un comitato femminile;
d) fu stabilito di incominciare subito la propaganda e intanto bisognava preparare il manifesto per la popolazione;
e) iniziare una sottoscrizione per famiglie.
                                               





Torna ai contenuti | Torna al menu